// Fine-vita di un account

26.04.2013

Riprendiamo dopo un lungo silenzio l'aggiornamento del blog e lo facciamo affrontando un tema delicato: il fine-vita di un account!
Che fine fanno gli account o i profili sui social network alla morte dei loro 'titolari'? Cosa succede quando vengono a mancare coloro che soli conoscono i propri dati di accesso e che, quindi, soli possono gestire le tracce lasciate on line?

La vita on line di ognuno di noi è potenzialmente immortale!
Servono soluzioni per la gestione degli account personali poiché questi sopravvivono alla morte dei loro proprietari: da una parte c'è chi chiede la definizione di un sistema legislativo che regoli la cancellazione automatica di un account quando il 'titolare' viene a mancare e dall'altra chi vuole che queste operazioni siano gestite dai parenti del deceduto secondo determinate disposizioni 'testamentarie'.

Google recentemente ha messo a disposizione dei propri utenti il nuovo servizio “Gestione account inattivo” che permette di impostare la disattivazione automatica degli account che rimangono inutilizzati per un periodo di tempo più o meno lungo. Mentre Facebook, per evitare che gli account dei deceduti vengano presi d'assalto con contenuti ingestibili e fuori luogo, offre una funzionalità che permette ai parenti o ai conoscenti di trasformare l'account di una persona decedeuta in una pagina commemorativa.

Il web, anche in questo caso, richiede interventi mirati.

+ Aggiungi un commento